Ultima modifica: 12 maggio 2020
Istituto Comprensivo "Giovanni XXIII" > Docenti > Concorso “UNA EMOZIONE CHIAMATA VIRUS”

Concorso “UNA EMOZIONE CHIAMATA VIRUS”

Si comunica che l’ Assessorato alla Pubblica Istruzione e Gentilezza del Comune in collaborazione con la nostra scuola ha indetto il concorso dal titolo “UNA EMOZIONE CHIAMATA VIRUS”, riservato a tutti gli alunni della Scuola Primaria e Scuola Secondaria I°.

Il  concorso, nello specifico, prevede la produzione di elaborati individuali di vario genere (disegni, poesie e/o foto inedite, filmati, riflessioni, slogan in rima, testi di canzone e manufatti artistici) ed è rivolto a tutti gli alunni, di età compresa tra 6 e 14 anni, iscritti alla Scuola Primaria e Secondaria di 1° grado dell’ IC “Giovanni XXIII”.

Il Concorso prevede  3 categorie:

– CATEGORIA ORSETTI, ovvero gli alunni delle classi 1° e 2° elementare, che potranno partecipare con un disegno realizzato con qualunque tecnica (acquerelli, pastelli, cere ecc).

– CATEGORIA COCCINELLE, ovvero gli alunni delle classi 3°, 4° e 5° elementare, che potranno partecipare attraverso una poesia, una foto inedita di una persona cara, di un oggetto, un paesaggio o un animale fotografati in questo particolare periodo, brevi pensieri, slogan in rima e manufatti artistici realizzati con materiali a piacimento come plastichina, das, argilla, collage e materiale da riciclo.

– CATEGORIA LEONI, ovvero studenti delle classi 1°, 2° e 3° media, che potranno partecipare attraverso una poesia, una foto inedita di una persona cara, di un oggetto, un paesaggio o un animale fotografati in questo particolare periodo, brevi pensieri, slogan in rima, testi di canzone e manufatti artistici realizzati con materiali a piacimento come collage e materiale da riciclo.

Ogni partecipante potrà presentare un solo elaborato, entro e non oltre le ore 20 di venerdì 22 maggio 2020. Per le modalità collegarsi al sito del Comune www.comune.sanmichelesal.br.it 

IL DIRIGENTE SCOLASTICO
Prof. Luca DIPRESA

 

gazzetta-mezzogiorno-concorso.jpg

Articolo apparso l’8 maggio 2020 su “La Gazzetta del Mezzogiorno”.




I cookie ci aiutano a migliorare il sito. Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. altre informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi